John Patitucci: Brooklyn (2015)

1431415531_front

 

Il ritorno al passato di John Patitucci. Basterebbe il titolo, Brooklyn, per evocare esordi e gioventù del musicista statunitense, ma la scelta di utilizzare il solo basso elettrico in tutte e undici le tracce di questo nuovo album la dice lunga e ci libera da ogni possibile titubanza sulla direzione intrapresa dal bassista del Wayne Shorter.

Patitucci si fa accompagnare da un super gruppo composto da Steve Cardenas e Adam Rogers alle chitarre elettriche e da un gigante come Brian Blade alla batteria. Una sottolineatura che non poniamo a caso. In Brooklyn infatti è proprio una certa intesa fra Patitucci e Blade a trasparire. Sezione rimica raffinata e implacabile impegnata anche al fianco di Shorter. “In 9-1881/The Search” e “Dugu Kamalemb” fanno iniziare l’album con un mood swingeggiante, uno scatto verso le gustose rotondità funk di “Band of Brothers,” dove le chitarre marchiate Cardenas-Rogers firmano forse alcuni dei fraseggi più incisivi dell’intero album.

“Tinkle Tinkle,” col suo walking e ampi spazi in cui l’occhio di bue si concentra di nuovo sulla sola sezione ritmica, regala ampi spazi di virtuosismo in una sorta di pirotecnico divertissement d’alto livello. Meno intrigano le atmosfere più riflessive di “Ugly Beauty,” posta alla metà perfetta della scaletta quasi a fare da spartiacque, riflusso utile a caricare un’altra onda di musica nera: è infatti smaccatamente blues il ritorno di di “JLR,” prima della lunga decompressione finale, in cui Patitucci resta solo con le sue corde in “Tensori.” Bello ed elegante. Unica pecca, forse, l’eccessiva precisione e pulizia nei capitoli che più guardano alla tradizione black.

Track Listing: IN9-1881/The Search; Dugu Kamalemba; Band of Borthers; Trinkle Tinkle; Ugly Beauty; JLR; Do You?; Bells of Coutance; The Thumb; Go Down Moses; Tesori.

Personnel: John Patitucci: basso elettrico; Adam Rogers: chitarra elettrica; Steve Cardenas: chitarra elettrica; Brian Blade: batteria.

Record Label: Three Faces Records

Style: Modern Jazz

(da All About Jazz, settembre 2015)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...