Scritto appena ieri

In una piccola città dove tutti si conoscono tra loro è quasi impossibile credere che uno che conoscete possa essere un assassino. Per quella ragione, se non ci sono tracce che portino ben dichiaratamente in una certa direzione, deve trattarsi di qualche truce straniero, qualche vagabondo venuto dal mondo esterno dove simili truci cose accadono. Allora si mettono a ferro e fuoco gli accampamenti dei vagabondi, si acchiapano i loro ospiti e si vanno a esaminare i registri degli alberghi. Ogni persona che non sia conosciuta è automaticamente sospettata. Era maggio, teniamolo presente, e i vagabondi si erano dati alle strade, da poco, ora che i mesi caldi permettevan loro di stendere le coperte vicino a ogni corso d’acqua. E poi c’erano anche gli zingari, una carovana intera a meno di cinque miglia di distanza.

John Steinbeck, La valle dell’Eden, 1952

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...